Cavitazione

  1. Homepage
  2. Cavitazione

Cavitazione. Rimuovere il grasso con gli ultrasuoni

La cavitazione è una tecnica utilizzata in medicina estetica per rimuovere i cuscinetti di grasso. Questa metodica prevede l’impiego di onde sonore ultrasoniche in grado di esercitare una funzione cavitativa sulle cellule adipose, contrastando la ritenzione dei liquidi. Il trattamento di cavitazione è praticato sulle zone del corpo interessate dall’accumulo di grasso come glutei, fianchi, caviglie, addome e braccia. Pur essendo un rimedio di tipo medico, la cavitazione non è un trattamento invasivo dunque non espone ai rischi di una liposuzione. Occorre evidenziare, tuttavia, che con questo trattamento è possibile rimediare a problemi di entità minore, localizzati in superficie.

Cavitazione medica e cavitazione estetica, differenze

È necessario distinguere due tipi di trattamento che comportano l’utilizzo di ultrasuoni:

  • cavitazione medica: prevede l’utilizzo di frequenze ultrasoniche basse, preceduto dall’infiltrazione tramite soluzione fisiologica, lidocaina o farmaci lipolitici.
  • cavitazione estetica: impiega unicamente frequenze alte, che intervengono sulla pelle. Questo tipo di trattamento estetico non implica perdita di peso, ma solo di centimetri in eccesso in alcuni punti del corpo.

Gli ultrasuoni si diffondono nei tessuti ed, esercitando un effetto termico-meccanico-cavitativo, disgregano le cellule adipocitarie. Così, viene stimolata la microcircolazione, le cellule di grasso crescono in volume e si originano piccole oscillazioni in direzione di zone a minor pressione. All’interno della cellula si generano microbolle che implodono, liberando trigliceridi. Questi giungono al fegato e sono metabolizzati, venendo eliminati tramite i reni.

Trattamento con gli ultrasuoni: visita preparatoria e pazienti adatti

L’inizio del trattamento di cavitazione è preceduto da una visita del paziente in posizione verticale così da individuare le zone su cui intervenire. Questo esame è effettuato con una matita per la pelle. Si applica uno specifico gel e a questo punto si inizia con la cavitazione vera e propria, utilizzando una sonda ultrasonica esterna sterilizzata. La frequenza di emissione degli ultrasuoni scelta dipende da quanto in profondità si vuole andare ad intervenire, e dal paziente che si sta trattando. La quantità di grasso localizzato da eliminare, infatti, cambia da persona a persona. La durata di una seduta di cavitazione è, solitamente, di 30-40 minuti, ma si può arrivare fino a un’ora e mezza. Orientativamente, un ciclo completo comprende tra le 8 e le 12 sedute, a distanza di sette giorni l’una dall’altra. Il costo unitario oscilla tra gli 80 e i 150 euro. Al termine della seduta di trattamento con ultrasuoni è consigliabile effettuare un massaggio linfodrenante così da stimolare lo smaltimento dei trigliceridi. La cavitazione estetica per la rimozione del grasso è sconsigliata a chi è affetto da tumori, dislipidemie croniche, patologie epatiche, cardiopatie, disordini della coagulazione del sangue, malattie del sistema immunitario e della tiroide, tromboflebiti e trombosi. È inoltre preferibile che eviti il trattamento chi è in gravidanza.

Cavitazione in “pillola”

Cos’è: trattamento caratterizzato dall’impiego di onde ultrasoniche capaci di intervenire sulle cellule adipose. Quanto costa: 80-150 euro circa a seduta consulta i prezzi Quanto dura la seduta: da 30 minuti fino a un’ora e mezza.